martedì 3 dicembre 2013

Tiocolchicoside:Muscoril,Miotens ,ecc....

Questo post è programmato,come per la maggior parte dei miei post,purtroppo non riesco a fare diversamente....
Oggi parliamo di farmaci per uso umano e delle limitazioni delle stesse.
Preferisco portarvi a conoscenza delle restrizioni o delle sospensioni che alcuni farmaci stanno avendo sul mercato italiano ed europeo,decise dall' EMA (European Medicine Agency), AIFA ( Agenzia Italiana del Farmaco)e dal CHMP(Comitato per i prodotti medicinali per uso umano )che parlarvi di patologie che potete ricercarvi in rete.

Il farmaco di oggi è il  Tiocolchicoside,venduto come:
Miotens,Muscoril,Decontril,Tiorilene,Sciomir,ecc...

Il Tiocolchicoside è un miorilassante che esplica attività decontratturante, antiflogistica ed antidolorifica,in caso di lombo-sciatalgie acute e croniche, nevralgie cervico-brachiali, torcicolli ostinati, sindromi dolorose post-traumatiche e post-operatorie.Viene inoltre usato per i pazienti affetti
dal morbo di Parkinson e in affezioni algo-reumatiche con contrattura e negli esiti spastici di emiparesi vascolari, traumatiche, neoplastiche, ecc. Tale decontrazione favorisce la rieducazione motoria del paziente.

                                                        foto dal web




La rivalutazione di tiocolchicoside è stata avviata su richiesta dell’Agenzia Italiana del Farmaco a seguito di nuove evidenze sperimentali .
Il metabolismo di Tiocolchicoside può causare aneuploidia ( cioè un numero o una disposizione di cromosomi anormali ).
 Di conseguenza, l’AIFA ha chiesto al CHMP di esaminare il profilo di sicurezza del medicinale e di considerare quali azioni regolatorie intraprendere.

L’aneuploidia è un fattore di rischio per danni al feto in corso di sviluppo, per riduzione della fertilità maschile e, in teoria, potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il cancro. 
Il CHMP ha raccomandato pertanto che siano messe in atto misure per garantire che i medicinali a base di Tiocolchicoside siano utilizzati nel modo più sicuro possibile. 
Queste includono la limitazione della dose massima e del numero di giorni di trattamento quando somministrati per via orale o intramuscolare.

L'uso è inoltre controindicato in gravidanza e allattamento o in donne in età fertile che non utilizzano contraccettivi, così come nei bambini o per il trattamento di malattie croniche.

                                    foto dal web


Le formulazioni per uso locale a livello cutaneo, non sono interessate da questa rivalutazione.

Qui i punti importanti:
• I medicinali a base di Tiocolchicoside per uso sistemico sono raccomandati solo come trattamento aggiuntivo per le contratture muscolari acute nella patologia spinale, per adulti e adolescenti a partire dai 16 anni di età.

• Non sono raccomandati per il trattamento a lungo termine di malattie croniche.

• La dose orale massima raccomandata è di 8 mg ogni 12 ore; la durata del trattamento deve essere superiore a 7 giorni consecutivi. Quando somministrato per via intramuscolare, la dose massima deve essere di 4 mg ogni 12 ore, per un massimo di 5 giorni.

• I medicinali a base di Tiocolchicoside non devono essere usati durante la gravidanza e l'allattamento, né nelle donne in età fertile che non adottano adeguate misure contraccettive.

• Il trattamento dei pazienti che assumono Tiocolchicoside deve essere rivisto nel successivo appuntamento programmato e dovrebbe essere considerato un trattamento alternativo appropriato.

• I risultati attuali non si applicano alle preparazioni topiche a base di Tiocolchicoside.
 ( Xagena2013 )

Vi lascio il Link se volete approfondire

Lucia
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Tigro 18/12/2011

Leo 11/6/12

Lia,14 anni insieme

Lilli,16 anni e Ale 14 anni

La piccola trudi...

Kimba:15 giugno 2014

Dana:14 anni e 6 mesi

Kevin:3/3/15

Sissi 15/3/15

Ai miei 10 angeli:Tigro,Leo, Lia,Lilli,Trudi, Kimba ,Dana ,Kevin, Sissi e Ale

Stelle

Quando ti vedrò,
ritaglierò dalla tua anima
tante piccole stelline e
allora il cielo sarà così
bello che tutto il mondo
s'innamorerà della notte.
Marcello Finocchiaro